Logo Eng2ita
ENG2ITA Community Versione lo-fi
18/07/2018, 09:02 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.
Hai perso la tua email di attivazione?

Login con username, password e lunghezza della sessione
E' stata disabilitata la ricerca ai visitatori! 
   Home   Sitemap Regolamento del forum Login Registrati  
Pagine: 1 
  Stampa  
Questo topic non e' stato ancora votato!
Non hai ancora votato questo topic. Seleziona una valutazione:
Autore Topic: traduzione di sony vegas pro  (Letto 25339 volte)
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
forart.it
Visitatore
« il: 15/11/2007, 18:27 »

Azz, questo sì che farebbe la differenza !

Non è mai esistita la versione Italiana (che vergogna, esiste in: Tedesco, Francese, Spagnolo e Giapponese... noi siamo sempre l'ultima ruota del carro) di questo meraviglioso software professionale di editing a/v !

Pensando in grande si potrebbe anche chiedere a Sony se ci danno i language files, poi lo compilano loro...

Sito ufficiale



Loggato
ENG2ITA Community
« il: 15/11/2007, 18:27 »

 Loggato
elbo
Jr. Member
**

Karma: 0
Offline Offline

Post: 61



« Rispondi #1 il: 16/11/2007, 08:38 »

Solito discorso: noi lavoriamo AGRATISSS e loro prendono i soldi??? Eh no eh!!!

Solo SW open o free thanks!!

Pensando in grande si potrebbe anche chiedere a Sony se ci danno i language files, poi lo compilano loro...
Certo, dietro a bonifico bancario di 1000 Euro glielo traduco anche per domani!!! Grin
« Ultima modifica: 16/11/2007, 10:13 da elbo » Loggato
forart.it
Visitatore
« Rispondi #2 il: 18/11/2007, 10:33 »

Embé glielo si può proporre di fare una bella donazione in cambio di traduzione...

...Sony non credo che abbia problemi a sganciare 5.000 € in beneficienza !


Comunque qualche post sotto c'è la mia posizione ufficiale rispetto al problema...

Sul discorso free/open sono relativamente d'accodo: perché aiutare chi non vuol esserlo ?
Se avesse voluto avrebbe rilasciato i sorgenti, no ? Oppure dovremmo contribuire gratuitamente al lavoro di qualcuno che vuol farci soldi ?  ap59
(Mi suona sempre un po' strano aiutare un progetto che non condivide conoscenza con la comunità... ma questa è una mia opinione personale.)

In altre parole io sono assolutista: o ci si butta sull'open, oppure si punta alle cose che servono (e Vegas è uno di questi, molto utilizzato anche nel nostro paese) a prescindere dal fatto che sia commerciale o meno.

Certo, esistono anche alternative free a Vegas (vedi KRISTAL Audio Engine), ma ha senso investire energie in sw poco utilizzati ancorché gratuiti ?

A me sembra un non senso.

Comunque fra le due alternative io voto per scegliere la via dell'open source.
« Ultima modifica: 18/11/2007, 10:53 da forart.it » Loggato
dkdk_it
The BOSS!
Amministratore
*****

Karma: 64593
Offline Offline

Post: 2895


Finis coronat opus


WWW
« Rispondi #3 il: 18/11/2007, 11:58 »

Torniamo sempre al solito discorso... amplificato in questo caso dal fatto che stiamo parlando di Sony!!!
Condivido quanto scritto da forart.it: è più gratificante e stimolante tradurre un applicativo utilizzato da molta gente a discapito di un altro meno conosciuto...
Adesso il problema torna alla scelta del software: solo open/free o tutto quello che è utile?!?
Bisogna scegliere una volta per tutte le categorie di programmi da tradurre.
Loggato

elbo
Jr. Member
**

Karma: 0
Offline Offline

Post: 61



« Rispondi #4 il: 19/11/2007, 08:31 »

Anch'io ho già espresso una posizione a proposito nello stesso thread:

Io non mi limiterei al sw open: ci sono tante applicazioni free (senza codice sorgente) mooolto interessanti che meritano di essere localizzate. CDBurnerXP e jZip sono due esempi di cui ci stiamo occupando, ma ce ne sono anche altri.

Come non citare poi il buon mf3imp (che saluto)?
... tanto bello dire "traduciamo", ma poi chi traduce in pratica? Tu, io, qualcun'altro? A me interessavano due programmi (paint.net e cdburner). Ho contattato chi ha lavorato alla vecchia versione, ho rotto ai programmatori, ho contribuito come potevo al lavoro, ed ora è finito, e oltre a me ne beneficiano tanti altri. Suonerà egoistico, ma è così: io il tempo per fare cose che non userò mai non ce l'ho, basta appena per dedicarmi a quello che uso.

In poche parole ha espresso un concetto molto semplice: il tempo è denaro! Se spendo del tempo per una traduzione non mi accontento della gloria: voglio qualcosa in cambio (cioè la possibilità di utilizzare il sw free/open, ma anche 1000 € sono altrettanto gratificanti  Grin).
Loggato
MaxFrax
Gnocca Friend e...
Eng2ita Friends
*

Karma: 20
Offline Offline

Post: 418


CPU Serial Killer


« Rispondi #5 il: 19/11/2007, 13:39 »

Adesso il problema torna alla scelta del software: solo open/free o tutto quello che è utile?!?
Bisogna scegliere una volta per tutte le categorie di programmi da tradurre.

La mia opinione è che il free/open in linea di massima è da preferire, tuttavia non metterei paletti troppo rigidi: eventualmente, anche con qualche forma di compenso, un software che sia interessante ma "pay" potrebbe essere oggetto di attenzione.

Quindi: "tutto quello che è utile"!

MaxFrax
Loggato
Singolarity
Eng2ita Staff
***

Karma: -63598
Offline Offline

Post: 1121



« Rispondi #6 il: 20/11/2007, 12:23 »

giusto qualche parola sul perché alcune grosse multinazionali ci considerano l'ultima ruota del carro per i loro software localizzati....dunque la prima regola di cui loro tengono conto sono purtroppo la richiesta di mercato che è poi a braccetto molto stretto con statistiche di vendita ecc..ecc....quindi già siamo in un campo economico e nemmeno più tecnico (ahime credo che tutti sappiamo bene quanto spesso vinca più il motivo economico o commerciale piuttosto che quello di utilità effettiva in ambito pratico) ....il secondo motivo è sempre legato alla quantità del bacino a cui tale software è destinato in quella determinata lingua...dunque per chi non lo sapesse l'italiano non sta decisamente ai primi posti in ambito mondiale...ma non perché siamo i soliti "sfigati" ...ma proprio perché lingue come lo spagnolo e il tedesco, nonché il francese non si parlano solo in spagna, germania e francia ma in parecchi altri paesi anche ben + vasti di quegli stessi stati....l'italiano è parlato solo da noi..ad esclusione di un canton ticino, san marino e qualche zona di somalia/eritrea e forse libia...ma decisamente nel complesso non fanno un bacino economicamente rilevante rispetto al singolo stato italiano.
Se vi interessano delle graduatorie su tali stime delle lingue parlate nel mondo:
http://it.wikipedia.org/wiki/Elenco_di_lingue_parlate_nel_mondo/altre_stime
Ovviamente su queste c'è poi da fare una ulteriore cernita considerando gli stati industrialmente più evoluti e sulla loro lingua di adozione ufficiali e non sulle minoranze.
E' probabile se non certo che in un futuro remoto (forse nemmeno tanto) tali stime possano essere ulteriormente cambiare in ambito economico...nuovi paesi emergenti asiatici potrebbero aumentare la predilezione di lingue come cinese e indiano in ambito software...altro che inglese eheh Grin

Credo che sony se risponderà indietro (un grosso se) lo farà con esito negativo semplicemente indicando i motivi detti sopra...certo provare non costa nulla...ma in % direi che sicuramente per il 90% è un no...anche per via del fatto che nell'ipotesi + assurda che accetti una proposta di traduzione amatoriale seppur retribuita e con un contratto regolare non è detto che sony rispetti il contratto in primis o che non vi aggiunga solite clausole particolari....in secondo sony è garantito che non può totalmente fidarsi di una traduzione esterna (anche x motivi di immagine) ma sarà costretta a far effettuare un controllo da propri dipedenti sulla medesima traduzione..anche perché una volta uscito in italiano di ogni errore di traduzione che ne può sfavorire il prodotto l'immagine persa ricade su sony.
Loggato
mf3imp
Ritorno alle origini
Hero Member
*****

Karma: 101
Offline Offline

Post: 635



« Rispondi #7 il: 24/11/2007, 10:38 »

Confermo quanto scritto da Singolarity. Un conto sono piccoli programmi open source o freeware, un altro invece software la cui licenza costa migliaia di euro e che sono sviluppati da grosse multinazionali, che di sicuro hanno i fondi per far tradurre i loro programmi anche nei vari dialetti locali di ogni Stato. Se Sony non ha mai fatto tale scelta, è perchè evidentemente non è interessata a farla. Sul discorso qualità sono d'accordo al 99%, nel senso che anche grandi nomi del software non hanno localizzazioni perfette, che nessuno può garantire.

Se proprio vogliamo fare qualcosa in italiano per la gestione e l'editing dei video, negli ultimi tempi si è tornato a parlare di come sia possibile implementere dei language file in virtualdub (sono state fatte richieste in tal senso sul forum). Non che ora sia impossibile farlo (si prende il codice sorgente e si traduce tutto), ma andare a controllare decine di file ad ogni nuova versione, non è di certo la cosa più comoda del mondo.

OT: Questo discorso mi ricorda un po' quanto si legge rigurdo i videogiochi non tradotti. Escludendo il doppiaggio, almeno i sottotitoli. Sono molti i gruppi di volenterosi che si occupano di tradurli o migliorarli (due esempi su tutti: American McGee's Alice, che ho giocato alla follia, e Oblivion, che è tradotto, ma abbastanza approssimativamente). Offrire la possibilità a questi gruppi di lavorare meglio, offrendo un supporto diretto da parte delle software house (magari dando qualche copia del gioco per i test e i "language file"), avrebbe un duplice effetto: velocità del lavoro, e maggiore soddisfazione a farlo (se devo farlo per me è un conto, ma se lo faccio e ho qualche vantaggio, tipo gioco gratis, tanto meglio). Chissà poi che in futuro...
Loggato
Pagine: 1 
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines | Sitemap XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!

Eng2ita.net - Tutti i diritti riservati ©2006-2015   |   Privacy policy |   Licenza Creative Commons