Autore Topic: Protesta SOPA: ENG2ITA offline  (Letto 82819 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline dkdk_it

  • The BOSS!
  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2.872
  • Karma: 64593
  • Finis coronat opus
    • ENG2ITA
Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« il: 19/01/2012, 13:14 »
Ciao a tutti,
ieri senza preavviso abbiamo deciso di oscurare il sito per aderire alla protesta mondiale che riguardava la discussione di una legge anti-pirateria informatica che in realtà rischia di essere un bavaglio per la rete.
ENG2ITA e il suo staff non approvano la pirateria informatica e non voglio giustificare in alcun modo l'utilizzo di materiale senza regolare licenza, tuttavia la lotta serrata alla pirateria, attuata secondo il disegno di legge SOPA, diviene, passatemi il termine, persecuzione.
Le major potrebbero arrogarsi il diritto di far oscurare un sito solo sulla base di una presunta pubblicazione di materiale pirata o semplicemnte se si parla di qualcosa che modifica il prodotto protetto di copyright.
Ovviamente la lotta è impari e la sintesi di quest'ultima sarebbe la chiusura di tutti i siti coinvolti che ovviamente non potranno mai sostenere le spese legali per difendersi.

Non voglio annoiarvi ulteriormente, quindi, per quanti volessero approfondire il tema, vi rimando alle pagine di Wikipedia in cui se ne è discusso.

http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Comunicato_del_18_gennaio_2012

Grazie per l'attenzione.

Offline MaxFrax

  • Gnocca Friend e...
  • Eng2ita Friends
  • **
  • Post: 360
  • Karma: 20
  • CPU Serial Killer
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #1 il: 19/01/2012, 13:45 »
Credo che ormai sia palese per tutti che è in atto un attacco a 360 gradi contro la libertà della rete, che essendo sostanzialmente una "zona franca" dà evidentemente fastidio a tutti i governi siano essi quelli cosiddetti "democratici" che quelli d'altro genere, per l'ovvia difficoltà di controllarne il flusso e la tipologia delle informazioni, vero nodo centrale di tutto.
Le motivazioni per attuare misure restrittive, pù o meno fondate e giustificate, non mancheranno mai proprio per la natura stessa del mondo web.

L'unica vera arma che abbiamo a disposizione è sfruttare la rete per sensibilizzare e mobilitare le persone affinchè la rete continui a restare davvero libera, quindi ben vengano queste iniziative... perchè se Wikipedia lancia una campagna e oggi (ieri) eng2ita la fa propria e la rilancia, forse possiamo sperare che domani molti altri siti condivideranno questa lotta. Se la gente è forte (e informata!) la rete è imbattibile.

 :ap59:  :ap59:  :ap59:
« Ultima modifica: 19/01/2012, 13:51 da MaxFrax »

Offline BAT

  • Moderatore cattivo
  • Eng2ita Staff
  • ***
  • Post: 1.520
  • Karma: 151
  • La conoscenza è potere. La conoscenza rende liberi
    • La conoscenza è potere. La conoscenza rende liberi
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #2 il: 19/01/2012, 14:35 »
Credo che ormai sia palese per tutti che è in atto un attacco a 360 gradi contro la libertà della rete, che essendo sostanzialmente una "zona franca" dà evidentemente fastidio a tutti i governi
concordo e aggiungo:
da fastidio a governi, multinazionali, lobby, banche, assicurazioni ed tutte le grosse organizzazioni, sia pubbliche che private.
ed è solo il primo passo di forme di controllo molto più concrete ed invasive (anzi pervasive), basta guardare a come vengono gestiti i "telefonini" (permettetemi di chiamarli ancora così) ed in generale tutto l'hardware che attualmente identifichiamo come appartenete al PC (vedi nuove schede madri con UEFI piò o meno bloccato e lagato ad interessi di parte).
Per ogni cosa c'è qualcuno che pretende di averne controllo, monitoraggio e perfino intervento ad insaputa dell'utente.
Blog: https://zerozerocent.blogspot.com
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE CI ANDRA'
Versione quantistica della legge di Murphy: TUTTO VA MALE CONTEMPORANEAMENTE

Offline rainforest

  • Eng2ita Friends
  • **
  • Post: 1.016
  • Karma: 126
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #3 il: 19/01/2012, 16:41 »
.....
Per ogni cosa c'è qualcuno che pretende di averne controllo, monitoraggio e perfino intervento ad insaputa dell'utente.

E questo controllo delle "cose" diventa poi controllo delle persone.....
Ricordate il Grande Fratello, in inglese Big Brother (fratello maggiore, ma il "risultato" non cambia :-\) di 1984?
Senza poi considerare la persuasione e il condizionamento che il potere mediatico ha su una moltitudine di persone.

Se può consolare i Servi della Gleba stavano peggio: in caso di carestia morivano pure di fame.....

Scusate le divagazioni.

If you are thinking 1 year ahead, sow seeds. If you are thinking 10 years ahead, plant a tree. If you are thinking 100 years ahead, educate the people.

Offline Singolarity

  • Eng2ita Staff
  • ***
  • Post: 1.124
  • Karma: -63595
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #4 il: 19/01/2012, 18:24 »
Il problema non è il tipo o la quantità di controllo su determinati dati....ma chi li controlla e come li usa senza un nostro consenso .....1984 di Orwell è la massima nemesi di quello che potrebbe succedere se questo controllo finisse nelle mani sbagliate...che sono appunto le major....e non casomai enti statali o sociali preposte dal medesimo stato volte al bene del cittadino....perché se da un lato può esistere il peggio del peggio....dall'altro l'aumento di nostri dati faciliterebbe e ridurrebbe la burocrazia nonché il risparmio in termini sia di tempo che economici in se (e persino di volume in scartofie)....e ancora oggi questo non esiste...ne in ambito sanitario ne a livelli di gestione amministrativa nazionale e locale....inutile fare milioni di card sociali insulse e poi non usarle bene ma a malapena per una identificazione del cittadino....eppure ci si buttano soldi su soldi dietro progetti di informatizzazione che spesso avrebbero ottimi scopi ma alla fine non si avvicinano nemmeno lontamente al loro obiettivo iniziale...anzi col tempo finiscono dimenticate e poco usate. Questi sono esempi semplici ma si potrebbero espandere di molto, ripeto se qualcuno carpisce a fini di lucro personale mirato usando tali dati a scopi di marketing questo è sbagliato e sarebbe uno dei primi capisaldi da indicare e sottolineare in un possibile regolamento o legislazione (che manca totalmente, non è possibile entrare in un'era digitale con leggi di un secolo fa ad andar bene)....purtroppo è anche vero che esiste spesso una certa connivenza tra certe lobby di mercato e quindi determinate major e certi governi....spesso il politico è addirittura finanziato da questi soprattutto in US per via delle campagne elettorali che senza "sponsor" di rilievo non generano un seguito ampliato di notorietà....in Italia invece facciamo prima, il politico spesso è direttamente il manager o dirigente di tali major ..a volte con uno strano impasto tra lo statale e il privato di cui solo noi in italia siamo capaci di far coesistere in totale disequilibrio razionale umano.....ovviamente da noi sembra tutto + piccolo ma fatevi un giro a chi c'è dietro a SIAE, FIMI/FPM, UNIVIDEO/AGIS/ANICA/FAPAV.....ovviamente i deputati e senatori sono tanti e ignoti...ma è la solita questione spesso chi compare davanti a noi in realtà è solo il leader di facciata raramente il vero manipolatore dietro a determinate leggi o decreti.

Riguardo la SOPA è come già detto solo un tentativo di stringere la gola ad un certo pensiero con la scusante sempre della crisi economica...oooh che poi le leggi US contro la pirateria erano già ben + toste di quelle in altri stati del mondo, comprese quelle EU (ebbé sono pur sempre la patria in cui sono nate le prime grosse major)...quindi non si capisce ora il senso di aumentarne la dose anche a livelli di semplici pensieri o istruzioni giudicate in violazione di copyright con una censura veloce stile mannaia....che è poi una cosa che ultimamente si stava anche discutendo in italia da parte dell'AGCOM con il cosidetto "enforcement dei diritti d'autore online" rimandato l'estate scorsa in parte a fine autunno poi il governo è andato giù e quindi si è pò perso o almeno ha dilatato i tempi per vedere se alcune proposte fossero maggiormente ascoltate....di certo il governo monti ha altri pensieri ora.
Fa strano (oppure no?!?) notare come alcuni governi che cerchino a nome dell'economia (in particolare di una scusante per PIL in calo con le major che insistono che il mancato introito è derivato esclusivamente dalla pirateria e questo poi si traduce in minor guadagni per loro e di riflesso per i medesimi stati..mah..io dissento) di imporre leggi molto restringenti alla rete e ai diritti degli internauti e quindi facendogli perdere poi consensi dal normale cittadino...e nel medesimo tempo l'aumento di voti verso neopartiti difensori invece delle libertà di rete e di pensiero...spesso fondati proprio dalla rete (v. partito pirata..ecc)....è una cosa che dovrebbe far riflettere alcuni politici...certo attualmente si preoccupano poco di % al di sotto di un 3%....ma chissà in futuro...di certo sono in aumento con il tipo di leggi promulgate.

Leggo ora che sembra che l'approvazione della SOPA perda consensi...forse qualche senatore si è ricordato della propria coscienza morale eheheh: http://punto-informatico.it/3403083/PI/News/sopa-senatori-ritirata.aspx

Offline Mr.X

  • Eng2ita Staff
  • ***
  • Post: 531
  • Karma: 77
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #5 il: 19/01/2012, 22:14 »
« Ultima modifica: 19/01/2012, 22:36 da MISTER X ® »

Offline dkdk_it

  • The BOSS!
  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2.872
  • Karma: 64593
  • Finis coronat opus
    • ENG2ITA
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #6 il: 20/01/2012, 16:49 »
Concordo con tutti voi e approfitto per riportarvi il comunicato del team Anonymous che oggi, per ritorsione alla chiusura di MegaUpload e MegaVideo, ha effettuato degli attacchi ai siti diversi enti americani.
Spoiler
Cittadini degli Stati Uniti d’America, siamo Anonymous.

Questo è un urgente richiamo d’allerta per tutte le persone degli Stati Uniti. Il giorno che tutti noi stavamo aspettando è purtroppo giunto. Gli Stati Uniti stanno censurando Internet. La nostra evidente risposta è che non rimarremo seduti mentre ci vengono portati via i nostri diritti da un governo al quale affidiamo la loro stessa tutela. Questa non è una chiamata allearmi, ma un richiamo a conoscere e ad agire!
Il Governo degli Stati Uniti ha superato ogni limite dandoci un falso senso di libertà. Pensiamo di essere liberi e di poter fare quello che vogliamo, ma in realtà siamo molto limitati e abbiamo un grosso numero di restrizioni per quello che possiamo fare, per quello che possiamo pensare, e anche per come veniamo educati. Siamo stati talmente distratti da questo miraggio di libertà, che siamo diventati esattamente cosa cercavamo di evitare.
Per troppo tempo, siamo rimasti fermi quando i nostri fratelli e sorelle venivano arrestati. Per tutto questo tempo, il governo ha ordito intrighi, tramando modi per incrementare la censura attraverso il blocco degli ISP, il blocco dei DNS, la censura dei motori di ricerca, dei siti, e una varietà di altri metodi che direttamente si oppongono ai valori e alle idee che condividono sia Anonymous, ovviamente, che gli stessi padri fondatori di questo paese, che credevano nella libertà di parola e di stampa.
Gli Stati Uniti sono spesso stati indicati come esempio ideale di paese libero. Quando la stessa nazione che è conosciuta per la sua libertà e i suoi diritti inizia ad abusare delle sue proprie persone, allora bisogna iniziare a combattere, perché gli altri la seguiranno presto. Non pensiate che perché non siete cittadini americani, questa storia non vi riguardi. Non potete rimanere ad aspettare che la vostra nazione faccia lo stesso. Dovete fermare tutto questo prima che cresca, prima che venga riconosciuto come accettabile. Dovete distruggerlo dalle fondamente, prima che diventi troppo potente.
Possibile che il governo americano non abbia imparato dal passato? Non ha visto le rivoluzioni del 2011? Non ha notato che ci siamo opposti ogni qualvolta ci siamo imbattuti in tutto ciò e che continueremo a farlo? Ovviamente il governo statunitense pensa di essere esente. Questo non è solamente un richiamo collettivo di Anonymous a darci da fare. Cosa può mai risolvere un attacco DDoS? Che cosa può essere attaccare un sito rispetto i poteri corrotti del governo? No. Questo è un richiamo per una protesta di grandezza mondiale sia su internet che nella vita reale contro il potere. Diffondete questo messaggio ovunque. Non possiamo tollerare quello che sta succedendo. Ditelo ai vostri genitori, ai vostri vicini, ai vostri colleghi di lavoro, ai vostri insegnati e a tutti coloro con i quali venite in contatto.Tutto quello che stanno facendo riguarda chiunque desideri la libertà di navigare in forma anonima, parlare liberamente senza paura di ritorsioni, o protestare senza la paura di essere arrestati.
Andate su ogni rete IRC, su tutti i social network, in ogni community on-line e dite a tutti l’atrocità che sta per essere commessa. Se protestare non sarà abbastanza, gli Stati Uniti dovranno vedere che siamo davvero una legione e noi dovremo unirci come una sola forza opponendoci a questo tentativo di censurare Internet ancora una volta, e nel frattempo scoraggiare tutti gli altri governi dal tentare ancora.
Noi siamo Anonymous. Noi siamo una legione. Non perdoniamo la censura. Non dimentichiamo la negazione dei nostri diritti come esseri umani liberi. Questo è per il governo degli Stati Uniti.  Dovevate aspettarvi la nostra reazione.
[close]

Vorrei precisare una cosa: non condivido le azioni degli hacker che, violando sistemi protetti, rubano dati per scopi di lucro ma ancor di più non condivido le azioni di chi intende limitare la libertà della rete.
La figura dell'hacker è stata erroneamente associata al "criminale" piuttosto che "all'utente libero" di muoversi dove gli pare sulla rete.

Anche il team Anonymous, così come ribadito da MaxFrax, esorta alla diffusione delle notizie riguardo questo ennesimo tentivo di blindare la rete.

Offline Mr.X

  • Eng2ita Staff
  • ***
  • Post: 531
  • Karma: 77
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #7 il: 20/01/2012, 18:38 »
dkdk_it sono perfettamente d'accordo  
Citazione
le azioni degli hacker che, violando sistemi protetti, rubano dati per scopi di lucro
perchè un hacker per definizione non è un vandalo informatico
Citazione
La figura dell'hacker è stata erroneamente associata al "criminale"
Vedi etica dell'hacker: http://it.wikipedia.org/wiki/Etica_hacker
Vogliamo parlare invece dell'etica delle major? Parliamo del loro operato, delle lobby che ruotano attorno?  
« Ultima modifica: 20/01/2012, 19:39 da MISTER X ® »

Offline Singolarity

  • Eng2ita Staff
  • ***
  • Post: 1.124
  • Karma: -63595
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #8 il: 20/01/2012, 21:24 »
beh a sto punto mi autoquoto:
Citazione
che è poi una cosa che ultimamente si stava anche discutendo in italia da parte dell'AGCOM con il cosidetto "enforcement dei diritti d'autore online" rimandato l'estate scorsa in parte a fine autunno poi il governo è andato giù e quindi si è pò perso o almeno ha dilatato i tempi per vedere se alcune proposte fossero maggiormente ascoltate....di certo il governo monti ha altri pensieri ora.
http://www.ilsoftware.it/articoli.asp?id=8246
http://www.tomshw.it/cont/news/legge-anti-pirateria-italiana-una-sopa-di-fava/35494/1.html
http://punto-informatico.it/3406503/PI/News/copyright-sopa-del-belpaese.aspx
« Ultima modifica: 20/01/2012, 22:04 da Singolarity »

Offline Mr.X

  • Eng2ita Staff
  • ***
  • Post: 531
  • Karma: 77
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #9 il: 29/01/2012, 21:43 »
Salve,
mi accodo ai vostri post per ricordarvi che 10 giorni fa si riuscì, protestando a gran voce, a respingere l'attacco americano a Internet;
ad oggi non siamo ancora usciti ma prende vigore un nuovo attacco alla libertà su Internet... cambia soltanto nome, si chiama ACTA: Anti-Counterfeiting_Trade_Agreement sta per accordo anti-contraffazione (wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Anti-Counterfeiting_Trade_Agreement).
In particolare vi riporto quanto scritto dal team di Avaaz:
Citazione
Cari amici,
 
Un nuovo trattato globale darebbe carta bianca alle multinazionali per controllare tutto quello che facciamo su internet. La scorsa settimana 3 milioni di noi hanno fermato le leggi censorie americane. Se agiremo ora potremo far sì che il Parlamento europeo affossi questo nuovo pericolo per tutti noi:

 La settimana scorsa 3 milioni di noi sono riusciti a respingere l'attacco americano a internet! Ma ora c'è una minaccia persino più grave, e il nostro movimento globale per la libertà di internet è l'arma migliore per annientarla.

ACTA, un trattato mondiale, darebbe il potere alle multinazionali di censurare internet. Dopo che è stato negoziato in segreto da un manipolo di paesi ricchi e poteri forti, ora potrebbe mettere in piedi un organismo nell'ombra per combattere le contraffazioni e che permetterebbe a interessi organizzati di controllare tutto quello che facciamo su internet, imponendo sanzioni che prevedono addirittura il carcere contro chi metterebbe in pericolo i loro affari.

L'Europa sta decidendo ora se ratificare o meno ACTA: se non lo farà questo attacco globale alla libertà di internet cadrà. In passato si sono già opposti a ACTA, ma ora alcuni parlamentari vacillano: diamo loro l'ultima spinta per rigettare il trattato. Firma la petizione: faremo una consegna spettacolare a Bruxelles non appena avremo raggiunto le 500.000 firme:

http://www.avaaz.org/it/eu_save_the_internet/?vl

E' una vergogna: i governi dei quattro quinti della popolazione mondiale sono stati esclusi dai negoziati dell'Accordo commerciale anti-contraffazione (ACTA) e burocrati non eletti hanno lavorato spalla a spalla con i lobbisti delle multinazionali per scrivere le nuove regole e un regime sanzionatorio pericoloso. ACTA sarebbe inizialmente esecutivo negli Stati Uniti, in Europa e in altri 9 paesi, poi in tutto il resto del mondo. Ma se riusciremo a far dire no all'Europa, il trattato perderebbe il momento buono e potrebbe essere chiuso in un cassetto per sempre.

Grazie a queste regole liberticide persone in ogni dove potrebbero essere sanzionate per semplici gesti come condividere l'articolo di un giornale o scaricare un video di una festa dove c'era musica protetta dal copyright. Venduto come un trattato commerciale per difendere il diritto d'autore, ACTA potrebbe vietare anche la vendita di farmaci salvavita e mettere in pericolo l'accesso degli agricoltori ai semi di cui hanno bisogno. E, incredibile ma vero, la commissione ACTA avrebbe carta bianca per cambiare le sue stesse regole e sanzioni senza alcun scrutinio democratico.

Potenti interessi organizzati stanno facendo di tutto per far passare il trattato, ma il Parlamento europeo si è messo in mezzo. Inviamo un grido enorme ai parlamentari per contrastare le lobby e difendere la libertà di internet. Firma ora e inoltra questo appello a tutti:

http://www.avaaz.org/it/eu_save_the_internet/?vl

La scorsa settimana abbiamo visto in concreto la forza del nostro potere collettivo: quando milioni di noi hanno unito le forze per fermare gli Stati Uniti dall'adottare la legge sulla censura a internet, che avrebbe trafitto il cuore della rete. Abbiamo anche dimostrato al mondo quanto possono essere potenti le nostre voci. Uniamole ancora una volta per contrastare questo nuovo pericolo.

Con speranza e determinazione,

Dalia, Alice, Pascal, Emma, Ricken, Maria Paz e il resto del team di Avaaz

Più informazioni:

Pirateria, l'Unione europea firma ACTA: "Bavaglio al web e alla ricerca medica"
http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/01/26/news/pirateria_acta-28803676/

La Polonia marcia per il web libero: in 10.000 contro ACTA
http://www.giornalettismo.com/archives/193127/la-polonia-che-marcia-per-il-web-libero/

ACTA, inizia un'altra battaglia per la Rete
http://daily.wired.it/news/internet/2012/01/26/acta-censura-internet-copyright-sopa-16742.html

Accordi segreti minacciano la libertà di espressione (e non solo)
http://www.valigiablu.it/doc/607/accordi-segreti-con-le-multinazionali-minacciano-la-libert-di-espressione-e-non-solo.htm

 Sostieni il nostro lavoro!
Avaaz.org è un’organizzazione no-profit indipendente che non riceve finanziamenti da governi o grandi imprese, quindi la tua donazione è di fondamentale importanza per il nostro lavoro. 

Grazie per l'attenzione.

Offline MaxFrax

  • Gnocca Friend e...
  • Eng2ita Friends
  • **
  • Post: 360
  • Karma: 20
  • CPU Serial Killer
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #10 il: 30/01/2012, 18:01 »
E per quanto riguarda ACTA vi linko (mamma mia che neologismo orrendo!) l'articolo di Hardware Upgrade:

http://www.hwfiles.it/articoli/3114/pirateria-ancora-nel-mirino-e-la-volta-dell-acta_index.html

Offline Singolarity

  • Eng2ita Staff
  • ***
  • Post: 1.124
  • Karma: -63595
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #11 il: 02/02/2012, 16:26 »
altre due news a riguardo....la "sopa" italiana promossa dal leghista fava è stata bocciata:
http://punto-informatico.it/3422699/PI/News/emendamento-fava-bocciatura-alla-camera.aspx
ovviamente tutti i papaveri delle varie lobby antipirateria italiane subito a decretare l'errore megagalattico che ci farà restare indietro...mah...saranno mica invece la povertà di idee che avete a farci restare indietro e il fatto che grazie alla rete quella libera la gente ha maggior speranza di scelta nei propri gusti persino per quelli molto di nicchia....e alla fine ci si rende conto che così di nicchia non sono...ma sul mercato lo sono per motivi spesso ingiustificati che vanno dal bacino di poca rilevanza e quindi non remunerativo in termini economici (secondo loro) fino a pseudo analisti di mercato del momento che invece di fare vere analisi spesso se le inventano solo per far divenire "moda" o trend del momento ciò che poi loro stessi hanno per la maggiore....indovinate quale è l'analista di mercato + bravo??? quello che dice alla sua major "tutte le scelte fatte sono ok e andranno alla grande"...e alla fine questo si tramuta in una specie di promoter infiltrato in un sottobosco di vario merchandising/pub/lavacervell martellante.

Altra news riguarda la versione EU, ACTA
http://punto-informatico.it/3416733/PI/Brevi/ue-si-dimette-relatore-acta.aspx
...sembra che il relatore EU per la medesima abbia dato le dimissioni commentando che ci sarebbero troppe pressioni dalla destra per accelerare tutto il processo senza che l'opinione pubblica si potesse mettere in moto....e invece si è già messa in moto...ma questo fatto fa intuire molte cose...che dietro non ci sono interessi riguardanti un giusto progresso ma solo quello di alcune major che tendono i loro fili in un periodo di magra per tanti motivi...crisi mondiale...prodotti non più azzeccati e che andrebbero ponderati prima di lanciarli (la gente ha smesso di essere lo struzzo del momento!!! non si ingozza ogni porcheria che gli si propina)...e invece di adottare nuove metodologie si preferisce scendere sul campo legale...è molto meno faticoso raschiare un barile che poi si dimostrerà non esistere!!!

Offline Mr.X

  • Eng2ita Staff
  • ***
  • Post: 531
  • Karma: 77
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #12 il: 11/02/2012, 00:05 »
Ci sono buone novità sul fronte ACTA basta leggere qualche articolo recente:
http://www.repubblica.it/esteri/2012/02/10/news/acta_la_germania_ci_ripensa-29675696/
http://www.lavoce.cz/8560/2012/02/10/la-repubblica-ceca-frena-sullaccordo-acta/ e non solo...
Avaaz riporta con soddisfazione quanto segue:
Citazione
Cari amici,
 
Alcuni politici in Europa stanno abbandonando il loro sostegno al pericoloso trattato ACTA. Le proteste di questo finesettimana sono il nostro momento per affossare definitivamente ACTA. Clicca per partecipare alla giornata di mobilitazione, di persona o virtualmente: portiamo a casa la vittoria!

 In meno di 24 ore le persone di tutto il pianeta si uniranno in una protesta globale per affossare ACTA una volta per tutte.

Questa settimana la nostra petizione contro ACTA forte di 2 milioni di firme ha scatenato un terremoto a Bruxelles, e abbiamo appena saputo che la Germania ha congelato ACTA e altri governi seguiranno. ACTA non sopravviverà se l'Europa dirà no! Siamo a un punto di svolta: se saremo in tanti a protestare domani potremo difendere la libertà di internet e mettere fine alla minaccia dell'incubo della censura di ACTA.

Dobbiamo essere in migliaia a manifestare, oppure se non possiamo andare di persona inviamo messaggi di solidarietà ai cittadini che stanno marciando. Clicca qui per usare la nostra mappa per trovare un evento vicino a te, oppure lascia un messaggio di solidarietà ai manifestanti:

http://www.avaaz.org/it/acta_day_of_action_hub/?vl

La nostra petizione enorme contro ACTA è stata consegnata personalmente ai principali politici a Bruxelles questa settimana, e ha superato i 2,2 milioni di firme. Il Parlamento europeo sta scegliendo ora la nuova persona di riferimento per il trattato. Facciamo sì che questa persona capisca che ACTA è troppo controverso per poter passare.

4 governi dell'Est Europa e ora anche la Germania hanno appena detto che sospenderanno la decisione sul trattato. Se centinaia di migliaia di persone parteciperanno alle manifestazioni in Europa domani, potremo garantire che tutti i politici nei 27 paesi dell'Ue abbiano bene a mente che i cittadini sono contro ACTA e che continueranno a opporsi finché il trattato non sarà finalmente accantonato.

Quelli di noi che sono in Europa possono partecipare alle manifestazioni. E tutti noi possiamo mandare messaggi di solidarietà per incoraggiare i partecipanti e utilizzare i social media per aumentare la pressione sui parlamentari chiave. Clicca qui per partecipare al nostro centro d'azione e fai il passaparola con tutti:

http://www.avaaz.org/it/acta_day_of_action_hub/?vl

Una volta dopo l'altra abbiamo dimostrato come il potere dal basso funziona. Quando le nostre libertà fondamentali sono in pericolo e noi agiamo insieme, formiamo una forza inarrestabile che allontana i politici dai poteri forti e li mette al servizio dell'interesse di noi tutti. Riproviamoci anche questa volta.

Con speranza e determinazione,

Alex, Alice, Pascal, Emma, Ricken, Maria Paz, Luis e il resto del team di Avaaz

Più informazioni:

Libertà d'espressione: gli internauti europei sabato in piazza contro ACTA
http://www.lindipendenza.com/gli-internauti-europei-sabato-contro-acta/

Acta: l'Europa percorsa dalle proteste contro il trattato anti-pirateria (in inglese)
http://www.bbc.co.uk/news/technology-16906086

ACTA: la Germania verso il no alla ratifica del trattato
http://www.key4biz.it/News/2012/02/10/Policy/Germania_ACTA_Unione_Europea_pirateria_208438.html

Dietro il risiko dell'ACTA minaccia globale alla libertà
http://www.key4biz.it/News/2012/02/10/Policy/Germania_ACTA_Unione_Europea_pirateria_208438.html

E con questo spero di non avervi scocciato oltremodo, anzi, mi auguro di aver sensibilizzato tutti quegli utenti che parlano sovente di software libero ma, non altrettanto, di Internet libera  :ap59:

Offline BAT

  • Moderatore cattivo
  • Eng2ita Staff
  • ***
  • Post: 1.520
  • Karma: 151
  • La conoscenza è potere. La conoscenza rende liberi
    • La conoscenza è potere. La conoscenza rende liberi
Re: Protesta SOPA: ENG2ITA offline
« Risposta #13 il: 11/02/2012, 15:51 »
Avevo letto le notizie.
Stavolta pare ci siamo salvati, per fortuna non tutti i politici sono corrotti, ogni tanto la ragione prevale.
Questo però non ci deve far abbassare la guardia, ogni tanto qualcuno ben foraggiato dalle corporaton se ne esce con qualche nuova iniziativa in nome di "sicurezza e legalità" solo presunte, ma volte esclusivamente al controllo in stile regime totalitario.
Blog: https://zerozerocent.blogspot.com
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE CI ANDRA'
Versione quantistica della legge di Murphy: TUTTO VA MALE CONTEMPORANEAMENTE

Offline BAT

  • Moderatore cattivo
  • Eng2ita Staff
  • ***
  • Post: 1.520
  • Karma: 151
  • La conoscenza è potere. La conoscenza rende liberi
    • La conoscenza è potere. La conoscenza rende liberi
Blog: https://zerozerocent.blogspot.com
Legge di Murphy: SE QUALCOSA PUO' ANDAR MALE CI ANDRA'
Versione quantistica della legge di Murphy: TUTTO VA MALE CONTEMPORANEAMENTE